miki

Michela Cianciullo, universitaria di Jelsi, insieme ad altre tre amiche girano uno video con uno smartphone: da oggi quel video sarà il nuovo spot per l'Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica.

Vincitore 2013 di Spot School Award, festival riservato ai giovani talenti creativi, lo spot “This is a Story” (link al video), è stato adottato da Aisla, Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica - attiva da 31 anni a sostegno dei malati di Sla - come video manifesto e strumento di sensibilizzazione sulla malattia:  la creatività dei ragazzi si è dimostrata matura.Dagli anni ormai lontani delle prime Pubblicità Progresso, la comunicazione ha imparato a concentrarsi e a portare a buon fine sforzi strategici, creativi e produttivi. La vecchia e cinica anima del commercio, la pubblicità, ha sempre accettato di farsi coinvolgere. Più raro, invece, è il fatto che non venga scelta la creatività di una agenzia ma quella di giovani studenti.Lo spot ha come protagonista una giovane ragazza, Francesca. La sua storia è raccontata attraverso le immagini del diario dove la protagonista parla delle sua vita (il ragazzo, le amiche), delle sue passioni (i viaggi, la musica di Vasco), fino alla comparsa dei primi sintomi della Sla (Sclerosi Laterale Amiotrofica), alla diagnosi e alla voglia di vivere, nonostante la paura.
Il video è stato realizzato in casa con lo smartphone, da quattro studentesse dell’Università Lumsa di Roma, Chiara Simmi, Lavinia Barbarossa, Michela Cianciullo, Athena Marcucci.

Per ideare la storia di Francesca, le autrici si sono ispirate alle storie dei malati di Sla (circa 5.000 in Italia). Tra loro anche giovani donne che lottano contro la malattia.


Tra i tanti contributi validi e interessanti, viene selezionata e premiata da una giuria di qualificati addetti ai lavori, lo spot lungo “This is a story” (Project manager Gerardo Sicilia con direzione creativa di Isabella Bernardi, casa di produzione Nantucket con regia, fotografia e montaggio di Alessandro Soetje). L’agenzia digital WE-B della Aldo Biasi Comunicazione troverà infine il modo di raccontare  alla rete questa storia bella, la storia di questo diario che chiede aiuto al mondo per voltare pagina.

online проверка на вирусыroulette for free